Post in evidenza

  • Luigi De Valeri

    30 gennaio 2019

    Risarcimento del danno da infortunio e prova del nesso di causalità.

    L’onere della prova a carico del lavoratore che agisce per il risarcimento integrale del danno patito a seguito di un infortunio sul lavoro, consiste nel provare il fatto costituente l’inadempimento e il nesso di causalità materiale tra l’inadempimento e il danno, ma non la colpa del datore di lavoro che si presume. La controversia da cui traggo spunto è stata decisa dalla Cassazione con una recentissima decisione della sezione Lavoro pubblicata l’8 gennaio ed era stata originata dal ricorso al Giudice ...
    | Area: Diritto |
  • Paola Salazar

    10 gennaio 2019

    Propositi antistress per l’anno appena iniziato

    La tecnologia ci rende stupidi! Sono sempre più convinta che sia così! La tecnologia ci allontana dalla profondità di pensiero che è la caratteristica principale del cervello umano e da ciò che in modo sostanziale differenzia l’uomo dalla macchina (v. M. Spitzer, Demenza digitale, Milano 2013). La tecnologia subìta e non disciplinata allontana l’uomo dalla sua sfera emozionale e fisica. Lo rende incapace di ascoltare il proprio corpo (ho fame, ho sonno, sono stanco…) e la propria mente (sono arrabbiato, sono confuso, ...
    | Area: Lavoro |
  • Antonio Veneruso

    7 gennaio 2019

    Transfer pricing: la Suprema Corte si pronuncia ancora in tema di accertamento del valore normale

    Con la recente sentenza n. 29306 del 14.11.2018, la Suprema Corte di Cassazione è tornata nuovamente ad occuparsi della corretta determinazione del cd. “valore normale” nell’ambio delle transazioni commerciali  poste in essere tra società appartenenti al medesimo gruppo di imprese multinazionali. Giova brevemente ricordare che in base al novellato art. 110, comma 7, del TUIR (DPR n. 917/1986), i componenti del reddito derivanti da operazioni con società non residenti nel territorio dello Stato, che direttamente o indirettamente controllano l'impresa, ne sono ...
    | Area: Fisco |
  • Claudio Bovino

    8 maggio 2017

    Il Benessere equo e sostenibile è entrato nel DEF 2017

    Tre mesi prima di essere assassinato, Robert F. Kennedy pronunciò un discorso presso l'università del Kansas (18 marzo 1968) col quale, tra le altre cose, puntò duramente l'indice sul PIL (Prodotto Interno Lordo), dichiarandolo inadeguato quale indicatore del benessere delle nazioni economicamente sviluppate: "Non troveremo mai un fine per la Nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Dow-Jpnes, nè i successi del paese ...
    | Area: Ambiente |
  • Achille Tesseri

    21 novembre 2016

    Gestionale del Credito: verticale oppure orizzontale?

    L’attività di prevenzione e gestione del credito necessita quotidianamente dell’acquisizione e dell’elaborazione di informazioni provenienti da fonti interne ed esterne come dei dati aggiornati,  utili a definire strategie e liste di lavoro. Il profilo di rischio di ciascun cliente può cambiare velocemente ecco perché non si può più lavorare in maniera destrutturata ma occorre dotarsi di un gestionale. Le domande che spesso mi trovo ad affrontare sono molteplici in quanto l’unica consapevolezza da parte della aziende è quella di accantonare carta, pdf ...
    | Area: Impresa |
  • Ugo Fonzar

    4 novembre 2016

    Mi firmano i consulenti esterni la dichiarazione CE di conformità – puntata 2

    E io gli dico: "hai due minuti? mettiti a sedere che ti spiego (ora che ho letto meglio un po' tutto)" E lui: "ok, ti ascolto" E io: "C'è IL FABBRICANTE che è definito dalla direttiva macchine come (tolgo le parti non di interesse) persona fisica o giuridica che progetta e/o realizza una macchina ..., ed è responsabile della conformità della macchina ... ai fini dell'immissione sul mercato con il proprio nome o con il proprio marchio ovvero per uso personale; in mancanza ...
    | Area: Sicurezza |

Ultimi post pubblicati

Luigi De Valeri

Luigi De Valeri
30 gennaio 2019

Risarcimento del danno da infortunio e prova del nesso di causalità.

L’onere della prova a carico del lavoratore che agisce per il risarcimento integrale del danno patito a seguito di un infortunio sul lavoro, consiste nel provare il fatto costituente l’inadempimento e il nesso di causalità materiale tra l’inadempimento e il danno, ma non la colpa del datore di lavoro che...
| Area: Diritto |

Paola Salazar

Paola Salazar
10 gennaio 2019

Propositi antistress per l’anno appena iniziato

La tecnologia ci rende stupidi! Sono sempre più convinta che sia così! La tecnologia ci allontana dalla profondità di pensiero che è la caratteristica principale del cervello umano e da ciò che in modo sostanziale differenzia l’uomo dalla macchina (v. M. Spitzer, Demenza digitale, Milano 2013). La tecnologia subìta e...
| Area: Lavoro |

Antonio Veneruso

Antonio Veneruso
7 gennaio 2019

Transfer pricing: la Suprema Corte si pronuncia ancora in tema di accertamento del valore normale

Con la recente sentenza n. 29306 del 14.11.2018, la Suprema Corte di Cassazione è tornata nuovamente ad occuparsi della corretta determinazione del cd. “valore normale” nell’ambio delle transazioni commerciali  poste in essere tra società appartenenti al medesimo gruppo di imprese multinazionali. Giova brevemente ricordare che in base al novellato art....
| Area: Fisco |

Ennio Vial

Ennio Vial
18 dicembre 2018

La Cassazione spiega la sua posizione sulla fiscalità indiretta del trust

La Sezione V della Cassazione, con la recente ordinanza n. 31.445 del 5 dicembre 2018 (ud 7 novembre 2018) affronta ancora una volta il tema della fiscalità indiretta del trust. L’intervento ha il pregio, nonostante qualche passo un po’ incerto, di delineare in modo sostanzialmente chiaro l’orientamento degli ermellini in...
| Area: Fisco |

Marco Piazza

Marco Piazza
6 dicembre 2018

Come dichiarare le cessioni a termine di valute

Accade a volte che un residente in Italia  ceda una valuta "a termine" contro altra valuta diversa dall'euro. Le conseguenze fiscali non sono chiarissime. Le regole di tassazione delle cessioni di valute a pronti e a termine sono sparpagliate in vari commi degli articoli 67 e 68 del Testo unico....
| Area: |

Marco Piazza

Marco Piazza
5 novembre 2018

Conferimento di stabile organizzazione italiana in società residente

Spesso è necessario "trasformare" una stabile organizzazione in Italia di società estera  in una società italiana controllata dalla stessa società estera o da altri soggetti economici. Può accadere per motivi organizzativi, in quanto è richiesta una autonomia giuridica - e non solo contabile e amministrativa - della succursale in Italia (a...
| Area: Fisco |

Sara Agostini

Sara Agostini
5 novembre 2018

Cooperative in stato di crisi e rapporti con i soci lavoratori

Sembra essere passata un po’ in sordina la sentenza della Corte di Cassazione n. 19096 del 18.07.2018, ma in essa sono contenuti importanti principi, in merito ai rapporti tra la cooperativa in stato di crisi e i propri soci lavoratori. Giova appena ricordare che l’art. 6 della Legge n. 142/2001...
| Area: Fisco |

Luigi De Valeri

Luigi De Valeri
4 ottobre 2018

Altro che mobbing... il lavoratore subisce lo straining!

Buona ripresa ai lettori da qualche settimana di nuovo al lavoro e alle prese con situazioni delicate e talvolta spiacevoli da gestire sul posto di .... lavoro. In passato mi sono occupato su questo blog di mobbing (vedi Non sempre si può parlare di mobbing - ottobre 2009) ma nel...
| Area: Diritto |

Antonio Veneruso

Antonio Veneruso
17 settembre 2018

Transfer pricing: l’intervallo di libera concorrenza nel D.M. 14-5-2018

Finito il processo di consultazione pubblica, cui il ministero delle Finanze aveva sottoposto la bozza del Decreto attuativo delle norme in materia di transfer pricing  o TP (art. 110, comma 7 – TUIR), in data 14 maggio 2018 si è avuta la firma della sua versione definitiva e la relativa...
| Area: Fisco |

Marco Piazza

Marco Piazza
3 settembre 2018

Forse una soluzione per le certificazioni tardive di non residenza

E’ possibile che una sentenza della Corte di Giustizia risolva, in senso favorevole ai contribuenti, il vecchio problema delle conseguenze della tardiva esibizione al sostituto d’imposta della documentazione necessaria per ottenere l’applicazione diretta degli sgravi o delle esenzioni previste dai trattati contro le doppie imposizioni. Secondo la prassi dell’Agenzia delle...
| Area: Fisco |

Diventa Blogger

Postilla è promossa da: IpsoaIl FiscoCedamUtetIndicitalia